CONTO TERMICO

Vi spieghiamo cos'è il conto termico, cosa comprende, senza tralasciare i suoi "pro" e "contro".




Il Conto Termico 2.0, entrato in vigore dal 31 maggio 2016, potenzia e semplifica il meccanismo di sostegno economico, introdotto in origine con il Decreto Ministeriale del 28 dicembre 2012, per interventi di piccole dimensioni per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e per l'incremento dell'efficienza energetica.

I soggetti privati, inclusi condomini e soggetti titolari di reddito di impresa o di reddito agrario, possono accedere a fondi per 900 milioni di euro annui complessivi realizzando interventi di:



  • Sostituzioni di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti di climatizzazione invernale dotati di pompa di calore o sistemi ibridi che combinano al meglio pompa di calore e caldaia a condensazione.

  • Installazione di collettori solari termici.

  • Sostituzione di scaldacqua elettrici con scaldacqua a pompa di calore.

  • L'incentivo è calcolato in base alla producibilità presunta di energia termica definita in funzione della tecnologia, della taglia e, dove influente, della zona climatica del luogo in cui l'intervento viene realizzato.

L'incentivo è corrisposto dal GSE nella forma di rate annuali costanti accreditate direttamente su conto corrente della durata compresa tra 2 e 5 anni, a seconda della tipologia di intervento e della sua dimensione, oppure in un’unica soluzione, nel caso in cui l’ammontare dell’incentivo non superi i 5.000 euro.


Bisogna anche tener conto che, le spese di amministrazione, progettazione e installazione (manodopera) non sono deducibili; Si deducono esclusivamente le spese dei macchinari acquistati.

0 visualizzazioni
iscriviti alla nostra Newsletters
scopri i nostri sconti !

ARIA FRESCA DI ZAMENGO CAMILLA